lunedì 16 maggio 2011

Insalata di polpo e patate...Nottetempo per musei

Questo post nasce da un pensiero di Annamaria che mi chiedeva di raccontare poi il mio vagare nottetempo per musei e mi è subito piaciuta l'dea. Come di consueto ho preparato le varie cose da rituale: sneakers ben collaudate, jeans comodi, occhiali per vederci, borsa a tracolla tutto il necessaire per superare con tranquillità la notte da navigante.Ci andavo con Rossi amica storica e compagna di brigate. Io a Roma ci sto da un bel pò d'anni, ma non è che sia così semplice barcamenarsi tra vie e viuzze e la mia mitica cartina salvaspazio l'ho persa il giorno in cui decisi di darla in prestito a G.  che doveva andare a trovare una ragazza non so in quale zona sperduta. Google docet: " MUSEO ETRUSCO ROMA " mi sento fortunato: PIAZZALE DI VILLA GIULIA N.9 . Cerco sul sito atac, ma mi descrive un tragitto assurdo.A volte mi sorge l'idea che il sito dei mezzi pubblici invece che darti una mano cerca di complicarti la vita. Dopo ho l'illuminazione: sono in periferia, nel cuore della borgata romana esco e chiedo in giro. Vado al bar dei calabresi e chiedo per villa giulia, niente, giustamente sono calabresi non sono mica romani,  becco Giovanni quello della frutteria ma mi spiega che non ne sa molto e che dev'essere probabilmente una villa, però mi spedisce da Marco il tabaccaro. Entro nel tabacchino di fronte casa, da quando ha cambiato gestione è diventato profumato e giovanile.Trovo un nugoletto di persone assiepate dentro: un anziano signore con il suo cigolante bastone appoggiato al vecchio flipper, gratta con foga il biglietto della fortuna sognando una vincita che gli riporterebbe la giovinezza; un giovane ragazzo seduto sullo sgabello legge attento e interessato il giornale aspettando una chiamata che gli colori quel sabato;  una signora russa entra carica di buste e bustine pensando alle bollette che avrebbe dovuto pagare, tutti indaffarati ognuno nel suo. Tocca a me: "Ehmm si quattro bit per la metro, grazie. Ah giacchè ci sono, dovrei andare al Museo etrusco so che è in piazzale di villa giulia ma non so come arrivarci. E' tutta stamattina che giro, non so proprio a chi chiedere". Il silenzio. Poi di colpo tutti si girano e mi guardano, ognuno lascia il suo e si crea un team di lavoro per il tragitto migliore che avrei potuto fare e nell'ordine: Marco "aspetta accendo internet e lo troviamo" la signora russa  " Gli etruschi stanno sulla cassia devi andare là è là che ci stanno gli etruschi" il vecchietto con il bastone "Devi prende la metro quella davanti all'Upìmm scende a flaminio e cosare verso via delle belle arti che sta vicino al museo" Il ragazzo lascia il giornale" Oppure prendere il 590 passa di qua è comodo e ti lascia davanti ". Così il ragazzo mi segna il percorso su un foglio di carta mettendo in comune le conoscenze dei quattro, faccio includere con perplessità di tutti anche il consiglio della signora russa che mi pareva ci sarebbe rimasta male se nn le avessi data giusta considerazione. Esco dal tabacchino, salutando contenta, stringendo tra le mani la mia piccola mappa. Il pomeriggio corre veloce come una saetta e il mio esercito di farfalle svolazza nello stomaco eccitatissimo all'idea di quella notte. Con Rossi ci becchiamo in metro, il tragitto vola in un soffio,si decide di comune accordo di scendere a Flaminio e una volta lì, di dirigerci per il Museo etrusco prima e il Museo d'arte moderna poi. Uscendo dalla metro una folata di vento fresco ci avverte che i naviganti sono approdati nel porto e che il cammino ha inizio. Così entrate nel cortile del museo etrusco ammiriamo le volte affrescate in ottimo stato del grande portico circolare con un tripudio di angioletti che svolazzano qui e là, camminiamo per teche di vetro che custodiscono antiche collane e vasi, plettri in oro, pettini e conocchie per telai e ci sussurano di vite passate, di grandi navi e vecchi cammini. Così penso che c'è anche la mia storia racchiusa lì dentro e c'è il mio sangue e la mia terra.
Saliamo le lunghe scale che conducono al Museo d'arte moderna di sala in sala osservo opere di pittori che adoro: ammiro Fattori, Boccioni, Hayez, Degas, Van Gogh, Klimt, mi commuovo davanti al dipinto Sogni di Corcos. Così cammino tra statue che sembrano viventi e installazioni che giocano con un quadro facendolo interagire con la persona, lo rendono vivo. Vedo una grande piovra lunga un corridoio e sussulto pensandomi in un sottomarino. Così penso che in quei pannelli, in quelle tele ci sono i miei occhi e gli occhi di tutti, ci sono piccole finestre che aprono la vista a vorticosi e immensi mondi, uno diverso dall'altro, ci sono piovre che ti sussurrano il benvenuto nei luoghi aperti all'immaginazione....

INSALATA DI POLPO E PATATE


Ingredienti:

1 polpo medio
4 patate
sottaceti
capperi
sedano
prezzemolo
metà cipolla fresca
carote
olio evo
acqua
aceto
maggiorana
metà spicchio d'aglio piccolo

Cuocete il polpo in poca acqua e niente sale, altrimenti si indurisce e rimane troppo elastico. Se il polpo che avete è molto grosso, vuol dire che la carne sarà poco tenera, per ovviare a questo impiccio nel momento della cottura mettete dentro l'acqua un tappo o pezzo di sughero naturale, renderà il polpo tenerissimo! Tagliate il polpo cotto a pezzetti con un coltello o una forbice da cucina. Lessate le patate, non nella stessa acqua del polpo perchè si colorerebbero di rosso. tagliatele a pezzetti e aggiungetele con i pezzetti di polpo nell'insalatiera. A parte, in un bicchiere mettete acqua e aceto con immerse le fettine sottili di cipolla a macerare. La cipolla se lasciata per qualche minuto nell'aceto e acqua perde la sostanza che dà alito tremendo e peso sullo stomaco. Nel frattempo in un altro bicchiere miscelare l'olio con un pò di sale, maggiorana, capperi prezzemolo tagliato fine e un trito sottile di metà aglio.. Preparare il sedano e il restante prezzemolo e aggiungerli nell'insalata con i sottaceti.  Aggiungere il bicchiere di condimento e le fettine di cipolla scolate dalla salamoia e servite freddo. Per le insalate uso sempre il condimento tipo pinzimonio sono dell'idea che se miscelati i sapori a parte diano più carattere all'insalata, non lo so sarà che mi ci diverto troppo a fare l'alchimista!

14 commenti:

  1. Sabato sera siamo stati fuori con amici e abbiamo fatto tardissimo....peccato abbiamo perso una bella occasione!!!!

    Polpo e patate...mi piace da impazzire!!!
    Buon lunedì Flavia

    RispondiElimina
  2. complimenti per il racconto...mi ha rapito!!Buona settimana.

    RispondiElimina
  3. Che spettacolo questo post.
    Con te mi succede una cosa strana. Quando leggo i tuoi racconti, non so perchè ma mi tornano in mente sensazioni trasmesse da canzoni passate.
    Un tuffo indietro nel tempo di dischi in vinile e di " sabato pomeriggio " girato e rigirato mille volte nel giradischi di casa.
    E con " sabato pian piano se ne va "cosa c'è di meglio di una insalata di polpo e patate ? Grazie cara amica, buon lunedì anche a te.

    RispondiElimina
  4. goduriosaaaaaaaaa!!! la adoro...

    RispondiElimina
  5. Ke buone queste ricette, possibile che mi venga fame dopo pranzo...Sono diventata una tua follower e colgo l'occasione per invitarti a passare anche dal mio blog. Spero ti piaccia e deciderai di seguirmi anke tu...
    http://ideebeauty.blogspot.com/

    RispondiElimina
  6. che buono...da fare, mio marito quando andava a pescare puntualmente me li portava e io non sapevo mai come cucinarlo...
    Bravissima

    RispondiElimina
  7. se passi da me c'è una cosina per te!
    :D

    RispondiElimina
  8. che bel racconto che hai fatto!
    anche io lavoro ogni tanto nella tabaccheria di un amico e spesso entrano persone chiedendo info su strade o percorsi e noi ci armiamo di stradario e cerchiamo sempre di aiutare e se c'è qualche cliente abituale dice di sicuro la sua.
    grazie per i preziosissimi consigli per la cottura del polipo, veramente preziosi!

    RispondiElimina
  9. buona questa ricetta.l'estate la faccio spesso..poi il polpo è leggero..ma tu ti sei iscritta da me??Se non l'hai fatto ti aspetto,dai!!

    RispondiElimina
  10. Bellissimo racconto,ottima ricetta!!
    Buona giornata Francesca

    RispondiElimina
  11. Bel racconto , la ricetta squisita !! Un piatto davvero fresco e gustoso , un abbraccio

    RispondiElimina
  12. @sognando dolcezze: daiiiiii anch io li pesco per qst poi posto ricette con il polpo come ingrediente principe

    @vale pi : graaaaazie valeeeee per il premio il post prossimo gli sarà dedicato

    @sdauramoderna ma ce bellloooo io campo di informazioni dai negozianti per ora devo dire non ho mai trovato persone sgarbate ma disponibilissime

    RispondiElimina
  13. Babettinaaaaa mia :) adoro la leggerezza del tuo modo di raccontare, delle frasi che scegli...e adoro anche il fatto che ti commuovi davanti ai quadri, quando lo faccio io mi prendono sempre in giro!!!! :) invece sono loro, proprio i "vorticosi e immensi mondi" che dicevi a spiazzarci e resto lì con gli occhi lucidi senza trovare le parole...sei la mia compagna di musei ideale ihihih! :D poi però promettimi che finisce a scorpacciata di polpo e patate...sarà una vita che non la mangio!mannaggia al mare che è lontano... :)
    PS: mi sono sentita molto Minosse e presa 48 ore di tempo oltre il limite ma...ho giudicato!!!che faticaaaa scegliere :) ti ho scritto via mail...un abbraccione immenso!

    RispondiElimina
  14. Bella la notte dei musei, bellissima Roma di notte, al museo di arte moderna ci sono stata qualche anno fa, quando sono venuta a Roma... che malinconia *-*
    La ricetta sembra molto buona, e una cosa simile, (insalata di mare con polpo, calamari e patate) l'ho già mangiata più volte e mi è piaciuta molto.
    Buona serata ^_^

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...